Componenti e funzionamento di un condizionatore d’aria split

Con un condizionatore d’aria split si può tranquillamente raffreddare o riscaldare una casa di normali dimensioni spendendo poco sull’installazione.

Il condizionatore d’aria è composto da due parti principali : l’evaporatore e il compressore. La differenza con un sistema di mini-split è che sono separati in due diversi componenti, lontani, uno è all’aria aperta e l’altro è chiuso. La sezione esterna è un compressore che inizia il processo di raffreddamento, mentre la componente interna è costituita da un evaporatore e ventilatore.

Le due sezioni sono collegate con un insieme di cavi elettrici e tubi, dette anche linee, per il trasporto di aria tra le due sezioni.  Il compressore è controllato da un termostato interno. Quando il termostato rileva aria calda, si attiva il compressore esterno. Nel compressore circola un gas refrigerante, che fa aumentare la pressione e la temperatura del refrigerante attraverso una serie di tubi. Il refrigerante passa quindi al condensatore per ulteriori elaborazioni.


Nel condensatore, un sistema di raffreddamento asporta calore dal gas ad alta pressione e il gas cambia di fase e diviene un liquido. Questo liquido raffreddato viene spinto attraverso la tubazione interna, fino a raggiungere il sistema evaporatore.

Leggi anche: i vantaggi di un condizionatore monoblocco

All’interno della casa, il ventilatore dell’evaporatore raccoglie aria calda e passa attraverso una camera contenente il refrigerante liquido refrigerato. Il sistema ventola soffia questa aria, che viene raffreddata, nella stanza, abbassando la temperatura complessiva dello spazio. Il termostato rileva l’aria desiderabile, il processo continua, ed il refrigerante e il calore in eccesso che rimane nel sistema viene passato esternamente al compressore per ricominciare il ciclo.

Un condizionatore d’aria Split è compatto ed isolato tra due sezioni di componenti localizzati.  Gli impianti di condizionamento centralizzati sprecano enormi quantità di energia a causa di uno scambio di calore nel sistema di canalizzazione dell’aria condizionata. Tuttavia, questo problema viene praticamente eliminato in un sistema di condizionatori diviso.

Inoltre, è possibile avere più di un evaporatore interno e ventilatore. Si potrebbe averne uno in ogni stanza o zona della vostra casa e farli funzionare indipendentemente l’uno dall’altro con un solo compressore esterno. Questa combina l’efficienza e la personalizzazione di una stufetta o una ventola con la comodità di un aria centrale.

Potrebbe interessarti: conviene installare un condizionatore portatile?

Per concludere, i condizionatori split sono compatti, di facile utilizzo e manutenzione , e relativamente poco costosi.



Aggiungi un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *